Comune di Palù Via Roma, 29 - 37050 Palù (VR)
Tel. 045 6070021 Fax. 045 6070012 - P.E.C. palu@cert.ip-veneto.net

sei in:  Informazioni  -  Storia

Storia

mappa storica
L'anno 1199 rappresenta la data di nascita ufficiale del nostro paese. In quell'anno, infatti, il Notaio Enverardo assegna le terre ormai bonificate ai "consorti" che resero possibile con il loro finanziamento questa grandiosa opera.
Ma qual'era, in breve, il contesto storico, artistico, culturale del periodo? Quali fatti e personaggi lo caratterizzavano?
Siamo in piena epoca Comunale. Il comune di Verona sorto da qualche decennio, era da poco alleato con i comuni di Padova, Vicenza, Treviso, con la città di Venezia e con l'Imperatore d'Oriente contro l'Imperatore Federico Barbarossa, Nel 1167 a questi comuni si unirono nella lotta anche i comuni aderenti alla Lega Lombarda.¹

A Roma è Papa Innocenzo III (Lotario dei Conti di Segni) eletto nel 1198 a soli 37 anni. Sotto il suo Pontificato inizia il periodo più florido della Chiesa Cattolica medioevale.²

Siamo, inoltre, nel pieno delle Crociate. Il 1189 segna l'inizio della terza crociata condotta da Federico I di Svevia (Barbarossa), Filippo Augusto di Francia e Riccardo Cuor di Leone Re d'Inghilterra. Durante questa crociata Federico Barbarossa annega nel fiume Salef (Cilicia). Riccardo Cuor di Leone durante la sua assenza viene detronizzato dal fratello Giovanni. Chiesta ed ottenuta una tregua, dopo varie peripezie torna in Inghilterra.³

Un personaggio importantissimo del periodo è San Francesco d'Assisi (1182-1226). Verso il 1209 il Santo ottiene proprio da Papa Innocenzo III l'approvazione della "Regola".4 In questi anni nasce anche l'ordine domenicano (o dei predicatori) che assieme all'ordine francescano (o dei frati minori) costituisce l'ordine dei mendicanti.5

Altra figura estremamente rilevante nello scenario di quegli anni è l'Imperatore Federico II (1194-1250) che tiene corte a Palermo, Orfano a soli quattro anni ebbe per tutore il Papa innocenzo III. Sul piano politico, tra l'altro, ottenne per trattativa la restituzione di Gerusalemme dal sultano d'Egitto. Ma egli deve la sua celebrità soprattutto alla sua dote di mecenate e di grande letterato. Dotto ed amante di tutti gli studi, fondò nel 1224 l'Università di Napoli e fece della Sicilia un centro splendido di cultura. Fu egli stesso poeta della "Scuola Siciliana" famosa nella nostra letteratura. I suoi funzionari imperiali furono tutti i maggiori poeti in lingua siciliana.6

In campo artistico letterale si forma la lingua volgare che soppianta il latino.

L'arte romanica caratterizza l'architettura, la scultura, la pittura. A Verona esempio mirabile di arte romanica è l'abbazia di S.Zeno costruita tra il 1120 e il 1138 nei suoi tratti essenziali.7 Il Duomo, altro edificio romanico, venne consacrato nel 1187 dopo che, nel 1184 Papa Lucio III vi tenne un concilio.8 Nel 1185 il papa morì e venne sepolto in Duomo dove ancora oggi si conserva il sigillo sepolcrale. Gli successe Urbano III che rimase anch'egli quasi un anno a Verona.9

Infine, ultimo fra questi avvenimenti concomitanti alla nascita del nostro Paese, nel 1193 il Podestà di Verona Guglielmo da Osa riscatta dall'Imperatore Enrico VI la sponda orientale del lago di Garda per 700 marche d'argento. Così, il 18 settembre dello stesso anno il vessillo del comune di Verona sventola per la prima volta sul lago di Garda, mentre in città ha inizio la costruzione del Palazzo Comunale. Anche la torre dei Lamberti è iniziata, dalla famiglia Lamberti, in questi anni (1172).10
 


  1. Comani - Breve storia del Medio Evo, p.249 Sansoni Editore Firenze, MCMXIV
  2. Ibidem P.266
  3. Delort Robert - Le Crociate, p.9 - 10 Edizioni Dedalo Milano 1987.
  4. Iacovelli Anacleto. - Vita di San Francesco d'Assisi, p.49 Casa Editrice Francescana, Assisi 1975.
  5. Ferroni Giulio - Profilo storico della letteratura italiana, p.63 Einaudi Scuola, 1996.
  6. Ibidem P. 56.
  7. Chastel Andre - Storia dell'arte italiana, p.82 Laterza 1983.
  8. Solinas Giovanni - Storia di Verona, p.250 Centro Rinascita Editore Verona.
  9. Ibidem - p.256
  10. Ibidem - p.276-277.